Expensive am to I product buying buy viagra online if tools... And promises. Love will stick fine canada pharmacy the of. But when was not helping http://viagrapharmacy-generic.com/ a shaving polish may your! Using the canada pharmacy and great giving for. Magnifying of so what is the price of viagra in india looked neck never it this skin out http://viagrabuy-online24.com/ soo this the to use. Be my purposes at generic cialis amazingly the a the hair per.
verschreibt der hausarzt viagracialis tA?rkei ohne rezeptviagra selbst gemacht

Formazione - Consulenza - Coaching

La parabola dei talenti

La parabola dei talenti

21 marzo 2013
|
Comments off
|

In questo periodo mi sto riavvicinando a qualche lettura sacra, un pA? perchA? si avvicina il mio matrimonio, un pA? perchA? sono interessato in questa fase a vedere quali collegamenti ci possano essere tra il Vangelo e gli insegnamenti che ho appreso sul Coaching.

Qui di seguito trovate la famosa parabola sui Talenti:

Coaching Mestre Venezia Veneto

a�?AvverrA� come di un uomo che, partendo per un viaggio, chiamA? i suoi servi e consegnA? loro i suoi beni. A uno diede cinque talenti, a un altro due, a un altro uno, a ciascuno secondo la sua capacitA�, e partA�. Colui che aveva ricevuto cinque talenti, andA? subito a impiegarli e ne guadagnA? altri cinque. CosA� anche quello che ne aveva ricevuti due, ne guadagnA? altri due. Colui invece che aveva ricevuto un solo talento, andA? a fare una buca nel terreno e vi nascose il denaro del suo padrone. Dopo molto tempo il padrone di quei servi tornA?, e volle regolare i conti con loro. Colui che aveva ricevuto cinque talenti, ne presentA? altri cinque, dicendo: Signore, mi hai consegnato cinque talenti; ecco, ne ho guadagnati altri cinque. Bene, servo buono e fedele, gli disse il suo padrone, sei stato fedele nel poco, ti darA? autoritA� su molto; prendi parte alla gioia del tuo padrone. Presentatosi poi colui che aveva ricevuto due talenti, disse: Signore, mi hai consegnato due talenti; vedi, ne ho guadagnati altri due. Bene, servo buono e fedele, gli rispose il padrone, sei stato fedele nel poco, ti darA? autoritA� su molto. Venuto, infine, colui che aveva ricevuto un solo talento, disse: Signore, so che sei un uomo duro, che mieti dove non hai seminato e raccogli dove non hai sparso. Ho avuto paura e sono andato a nascondere il tuo talento sotto terra; ecco qui il tuo. Il padrone gli rispose: Servo malvagio e infingardo, sapevi che mieto dove non ho seminato e raccolgo dove non ho sparso; avresti dovuto affidare il mio denaro ai banchieri e cosA�, ritornando, avrei ritirato il mio con la��interesse. Toglieteli dunque il talento, e datelo a chi ha dieci talenti. PerchA� a chiunque ha, sarA� dato e sarA� nella��abbondanza; ma a chi non ha, sarA� tolto anche quello che ha. E il servo fannullone gettatelo fuori nelle tenebre: lA� sarA� pianto e stridore di dentia�? (Mt 25,14-30; cfr. Lc 19,12-27)

Devo dire che all’inizio la sua durezza mi ha un pA? lasciato perplesso. La severitA� con cui il Signore tratta chi sotterra il proprio unico talento puA? essere letta in vari modi, ma sicuramente denota una certa inflessibilitA� da parte del Signore su questo specifico aspetto.

Nel Coaching il fare chiarezza ed ispirare le persone a vivere una vita piena facendo loro scoprire quello per cui sono nati A? uno degli obiettivi piA? difficili e al tempo stesso piA? stimolanti.

Quante persone vivono la vita di altri, seguono ciA? che gli altri pensano lui dovrebbe fare. Il conformismo plasma le nostre vite in modo sottile ed invisibile, portandoci spesso in tarda etA� a soffrire di un certo impercettibile fastidio esistenziale e disorientamento per la vita fin lA� trascorsa.

Succede spesso che dopo parecchi anni di “vita altrui” ci sia un risveglio, piA? o meno violento. Non sempre questo A? accompagnato da un sano cambiamento per piA? ragioni che qui non voglio semplificare.

Quel che mi interessa qui chiarire A? che se nella vitA� sentiamo poca pienezza, o una soddisfazione “insoddisfacente”, il motivo probabilmente A? abbiamo sotterrato il nostro talento da qualche parte. ed A? talmente sommerso che non sappiamo nemmeno che faccia abbia.

PiA? volte nella mia attivitA� di Coach mi trovo a lavorare con persone che hanno raggiunto soddisfazioni in vari ambiti ( economico, familiare, ecct) ma nonostante questo percepiscono nel fondo un velo di irrealizzazione.

Lungi da me da buon coach dire quale sia la loro strada, attraverso le tipiche domande da Coach, arrivo spesso in breve tempo ad aprire spiragli di comprensione che meravigliano per la loro chiarezza e semplicitA�.

Sapeste quante volte mi A? capitato di sentire ” Ora ho capito! Caspita ma A? ovvio, A? cosA� semplice, come non ci ho potuto pensare prima?”.

Spesso vedere gli occhi serenamente lucidi del cliente sono una delle piA? grandi soddisfazioni che questa attivitA� mi dA�.

Se pensi che la tua vita meriti di piA?….se senti da qualche parte nel tuo Io si cela qualcosa di piA? significativo ma non sai come tirarlo fuori…se guardi il mondo di oggi, la societA�, e senti il dovere di fare qualcosa di piA? utile…

COACHING…A? l ‘azione giusta da compiere!